4.2 C
Berlino
mercoledì, Febbraio 1, 2023

Niente più WoW e Diablo in Cina: i giochi Blizzard potrebbero essere offline per sempre

Follow US

80FansLike
908FollowersFollow
54FollowersFollow

Dal 23 gennaio, nessuno in Cina può più giocare a World of Warcraft. La fine della collaborazione tra Blizzard e Netease lascia i fan delusi.

Ora è successo: Milioni di giocatori stanno perdendo l’accesso ad alcuni dei loro giochi preferiti.In Cina, a partire dal 23 gennaio 2023, quasi tutti i giochi Blizzard saranno offlinee forse per sempre. Come minimo, le attuali tensioni tra l’ex partner NetEase e Blizzard assicurano che il divario tra le due grandi aziende si sta allargando.

I fan sono quelli che stanno soffrendo di più, dicendo addio alle loro partite su Twitter e soprattutto sulla piattaforma cinese di social media Weibo.

Secondo (The Guardian)un utente su Weibo scrive addirittura di World of Warcraft:

Non era solo un gioco, erano i ricordi di una generazione.

Per 14 anni, Blizzard è stata attiva in Cina. Il paese è probabilmente il più grande mercato del gioco e soprattutto i giochi dello studio californiano hanno goduto di un’enorme popolarità tra la popolazione. Ora, però, dovranno fare completamente a meno dei seguenti titoli:

  • World of Warcraft
  • Diablo 3
  • Hearthstone
  • StarCraft 2
  • Warcraft 3: Reforged
  • Eroi della Tempesta
  • Overwatch 2

Mentre Diablo Immortal, che è stato sviluppato in stretta collaborazione con NetEase e quindi ha regole diverse, non è interessato dalla separazione.

Già nel novembre 2022, Blizzard aveva annunciato che non era stato raggiunto alcun accordo nelle trattative contrattuali per estendere la partnership con NetEase. (Secondo Blizzard), poiché non era possibile alcun accordo compatibile con i loro principi e la loro responsabilità nei confronti dei giocatori. Nel frattempo è stata diffusa una notizia secondo cui NetEase avrebbe rivendicato un maggiore controllo sui marchi di Blizzard, ma nel frattempo NetEase ha dichiarato che si tratta di una notizia falsa (via wowhead).

A differenza dell’Europa, ad esempio, i giochi stranieri in Cina sono soggetti a regole severe e devono soddisfare determinati requisiti. Questo include il raggiungimento di un accordo con un editore cinese. Nel caso di Blizzard, si trattava di NetEase per 14 anni. Poiché non è stata raggiunta un’estensione con NetEase né è stato trovato un nuovo editore, tutti questi giochi andranno persi per la comunità dei fan cinesi.

La separazione si trasforma in fango

Quello che all’inizio sembrava una separazione civile tra due partner contrattuali, negli ultimi giorni si è trasformato in una vera e propria guerra di fango. La causa scatenante è stata ( secondo un rapporto di Reuters) l’offerta di Blizzard di estendere il contratto per almeno altri sei mesi. Blizzard ha voluto sfruttare il tempo per trovare un altro editore cinese senza privare i giocatori dei propri giochi.

Tuttavia, questa offerta è stata respinta da NetEase. È stato definitobrazeneeconomicamente illogicoe come se Blizzardvolesse cavalcare un asino mentre cerca un cavallo Già due mesi fa, Simon Zhu, presidente di NetEase, aveva scritto (in un post su LinkedIn) che undirtyguy era responsabile della miseria.

Un giorno, quando tutto ciò che è accaduto dietro le quinte verrà alla luce, gli sviluppatori e i giocatori capiranno molto meglio quanto danno può fare una canaglia.

– Simon Zhu

Secondo alcuni rapporti, gli uffici di Blizzard sono già stati distrutti e anche la grande ascia orchesca davanti agli uffici di NetEase è stata smantellata in un’azione elaborata, che è stata persino trasmessa in diretta da NetEase. Inoltre, in una caffetteria NetEase di Hangzhou, il tè verde sarebbe stato rinominatoBlizzard Green Teache nello slang cinese probabilmente si traduce anche inBlizzard Bitch

Questo fa supporre che NetEase in particolare abbia preso questa separazione tutt’altro che bene e rende sempre più improbabile una futura collaborazione tra le due aziende. L’ultima speranza per i fan cinesi è che Blizzard raggiunga un contratto con un altro editore cinese.

RELATED ARTICLES

Le nostre speranze per il 2023: Ecco i 23 titoli che attendiamo con maggiore impazienza

Se non sapete su quali giochi concentrarvi quest''anno, ecco 23 suggerimenti personali. Negli anni precedenti, per questo articolo abbiamo sempre...

Novità su Steam: probabilmente non sapevate di questo suggerimento segreto di strategia

La nuova settimana è ancora una volta ricca di uscite entusiasmanti su Steam. Particolarmente eccitante questa volta è lo...

Battlefield 2042: rivelata in anticipo la nuova mappa Flashpoint della Stagione 4

Un dataminer scova nuove immagini e informazioni sulla prossima mappa di Battlefield 2042. La quarta stagione sembra destinata a...