Michael by Michael in
CS:GO

gode di grande popolarità. Ma nel 2003 c’è stato un viaggio di contorno all’Xbox.

L’8 novembre 2000 è uscito un videogioco che non solo ha cambiato il mondo dei giocatori, ma ha anche portato quasi da solo la gloria a un intero sottogenere. Quel giorno è stata rilasciata la prima versione ufficiale del tiratore tattico di Counter-Strike (1.0).

Il gioco è stato estremamente popolare fin dall’inizio ed è diventato un vero e proprio successo nel mondo del gioco. Quest’anno festeggia il suo 20° anniversario.

Nel tempo che seguì, divenne sempre più chiaro che il tiratore veniva giocato in modo più competitivo e nei propri campionati – per ESL, fondata nel 2000, il titolo servì in seguito come terreno fertile per un ulteriore sviluppo e orientamento.

Solo un anno dopo, nel 2001, si è tenuto a Dallas, Texas, il primo grande torneo, vinto dall’organizzazione eSports Ninjas in pigiama, ancora oggi attiva. Il montepremi era di 150.000 dollari USA, una somma considerevole considerando che eSports era ancora agli inizi in quel periodo.

In confronto: Il primo Worlds in League of Legends, 2011, ha avuto un montepremi totale di 100.000 dollari.

Ancora oggi, Counter-Strike è il tiratore dominante quando si tratta di gioco competitivo. Ma anche se il CS, ora ufficialmente disponibile con Counter-Strike: Global Offensive nella sua quarta edizione, si gioca quasi esclusivamente al computer, ci sono stati vari tentativi di stabilire il titolo su altre piattaforme.

Dal PC alla console
Counter-Strike 1.6 è stato ufficialmente rilasciato per il PC il 09 settembre 2003. Questa versione non è stata solo la versione finale del classico CS, ma è stato anche il primo titolo della serie che è stato giocato esclusivamente tramite la connessione Steam – questo non è cambiato fino ad oggi. Ma in realtà non dovrebbe rimanere esclusivamente con questa liberatoria.

Solo pochi mesi dopo, il 5 dicembre 2003, Counter-Strike è stato rilasciato per Xbox 1 – da non confondere con Xbox One. Visivamente, non c’era molta differenza tra la porta della console e la versione per PC, ma l’attenzione è stata posta in modo fondamentalmente diverso in termini di contenuti.

Mentre sul PC i giocatori potevano competere solo contro avversari umani, la versione Xbox offriva figure controllate dal computer che affrontavano il giocatore e o lo aiutavano attivamente. Una novità, che è stata adottata anche nelle seguenti parti come Condizione Zero o Sorgente. Tuttavia, la versione per console offriva anche la possibilità di far competere i giocatori l’uno contro l’altro.

Grazie a Master Chief!
Nel 2001, Halo: Combat Evolved è stato rilasciato su Xbox, capovolgendo completamente la concezione generale dei giochi per console competitivi e offrendo una modalità online estremamente popolare. Anche il Counter-Strike, che è seguito due anni dopo, dovrebbe trarne vantaggio.

Grazie alla porta LAN esistente, i giocatori possono competere online contro altri giocatori di tutto il mondo. Tuttavia, era necessario un collegamento a Internet attivo e un abbonamento al servizio Xbox Live, ancora oggi utilizzato da Microsoft.

Ma anche se CS non ha fatto fondamentalmente nulla di sbagliato sulla Xbox, ed è stato addirittura rivoluzionario per la serie in termini di bobine del negozio (le armi sono state selezionate utilizzando un menu radiale) e gli avversari del computer, il titolo non ha fatto impressione sui fan. Fondamentalmente il prezzo era un grosso problema.

A differenza della versione per PC, che è stata inclusa come bonus gratuito con la versione completa di Half-Life, la porta della console costa in totale 60 euro. Troppo costoso agli occhi di molti. A peggiorare le cose, Counter-Strike manca della precisione familiare della versione PC sulla console.

Anche se questo è dovuto ai controlli in generale, l’impressione generale, la presentazione più i controlli non sono riusciti a convincere i fan.

Un donatore di modelli
Quello che è rimasto è stato il tentativo di trasferire l’hype sullo sparatutto tattico, che va avanti dal 2000, su un’altra piattaforma. Ma anche se non ha funzionato con il porto di Counter-Strike 1.6, non avrebbe dovuto essere l’ultimo tentativo di una derivazione console del franchise di sparatutto probabilmente più famoso nella storia di eSports.

Anche questa è un’altra storia

Share Post:

Related Posts

No Comments

Leave a Reply