16.5 C
Berlino
domenica, Settembre 25, 2022

XIII: Il remake del remake in recensione – Sarà davvero tutto migliore dopo la tempesta di merda?

Follow US

80FansLike
908FollowersFollow
54FollowersFollow

Il disastroso remake del classico sparatutto XIII riceve una grande patch che risponde alle critiche dei fan. Un conoscitore dell”originale valuta i cambiamenti.

Lentamente le cose non vanno bene, quindi deve essere il numero. Il 13 è sempre stato considerato un numero sfortunato, per cui anche gli hotel lo omettono dalla numerazione dei piani. Inoltre, sento ancora mia nonna che dice che il venerdì 13 non si esce di casa, anzi, è meglio non alzarsi affatto. Vedete, sto lottando per trovare le spiegazioni necessarie a capire cosa ho appena suonato e come classificarlo.

Per questo, inizierò con i fatti: Alla fine del 2003 è uscito XIII, uno sparatutto in prima persona diverso dal solito. Utilizzando la tecnologia del cell-shading e un design intelligente, l”agente thriller sembrava un fumetto. Tuttavia, quando nel 2020 è apparso un remake del XIII, tutta l”euforia è evaporata rapidamente. Non solo la nuova grafica aveva poco in comune con l”aspetto del fumetto originale, ma bug e crash rendevano il gioco quasi ingiocabile.

Lo stato tecnico del titolo e l”indignazione della comunità hanno indotto l”editore Microids a richiamare lo sviluppatore PlayMagic e a commissionare il remake allo studio francese Tower Five. È stato rilasciato su Steam il 13 settembre 2022, che coincidenza. I possessori del primo remake del 2020 riceveranno la nuova versione come aggiornamento gratuito, tutti gli altri pagheranno poco meno di 30 euro.

Chi è il numero 13?

Il cuore del gioco è ancora l”appassionante storia, immutata nei contenuti, dell”assassinio del presidente degli Stati Uniti, di una cospirazione fino ai più alti circoli della società e del pianificato rovesciamento politico.

XIII è un adattamento dell”omonima serie di fumetti dei due artisti belgi Jean Van Hamme e William Vance. Ciò che mi divertiva all”età di 16 anni lo trovo ancora molto bello a distanza di 20 anni, ad esempio le bolle vocali disegnate all”epoca, le intelligenti scene picture-in-picture e tutti i “tap, tap, tap”, le “RATATATE” e le altre onomatopee (denominazione dell”espediente stilistico dell”onomatopea – missione didattica compiuta!) che si estendono sullo schermo.

(Famoso faro: all''inizio XIII si sveglia alla tribuna e non ricorda nulla)
(Famoso faro: all”inizio XIII si sveglia alla tribuna e non ricorda nulla)

All”inizio del gioco, il protagonista si sveglia su una spiaggia con una ferita da arma da fuoco e un”amnesia. L”omonimo XIII tatuato sul petto e la chiave dell”armadietto di una banca sono gli unici indizi per scoprire chi è e cosa sta succedendo. A quanto pare, qualcuno vuole impedire proprio questo, perché poco dopo il risveglio, i cattivi appaiono sulla scena e danno la caccia a XIII.

(Dal punto di vista dei contenuti, il remake di XIII offre la stessa campagna di 20 anni fa, con alcune modifiche per quanto riguarda le posizioni delle armi (i coltelli da lancio mancano all''inizio).)
(Dal punto di vista dei contenuti, il remake di XIII offre la stessa campagna di 20 anni fa, con alcune modifiche per quanto riguarda le posizioni delle armi (i coltelli da lancio mancano all”inizio).)

Questo è il preludio di una storia appassionante in cui si alternano vivacemente passaggi ballerini e furtivi. Se la storia vi è piaciuta all”epoca e avete qualche lacuna nella vostra conoscenza a causa dell”età che avanza (come me), qui avrete pane per i vostri denti. Ma l”escursione non richiede molto tempo: io ho finito dopo meno di sei ore. Ma dato che conoscevo già tutto dalla precedente versione originale, stimo il tempo di gioco a sei-sette ore se non si è “completamente presi”.

Ci sono in totale quattro livelli di difficoltà, il primo dei quali si concentra sulla storia. Chiunque abbia giocato a un altro sparatutto dovrebbe iniziare almeno dal terzo livello di difficoltà. Tutto il resto è fin troppo facile e l”IA fa il resto con il suo comportamento da galleria di tiro.
Dopo la campagna elettorale, l”aria è quasi finita. Dopo l”aggiornamento, è di nuovo disponibile una modalità multigiocatore con deathmatch come unico tipo di gioco. È stato divertente e simpatico all”epoca e lo è ancora oggi. Ma non è davvero necessario.

Nei livelli sono presenti gli ormai obbligatori oggetti da collezione, come figure e file, ma questi dovrebbero essere rilevanti solo per i cacciatori di Obiettivi. A proposito di Achievements: anche in questo caso il lavoro è stato fatto in modo approssimativo. Dopo aver terminato il gioco al secondo livello di difficoltà, ho ricevuto l”achievement proprio per questa difficoltà, ma non per la modalità facile, come avviene di solito. Al contrario, ho ottenuto i risultati per le altre modalità (cioè anche le più difficili) quando, grazie alla selezione dei livelli implementata, ho finito l”epilogo senza nemici del rispettivo livello solo dopo aver completato la campagna. È proprio vero.

(La nuova grafica è meno fumettistica, ma più simile a una grafica 3D con un filtro fumettistico. È un vero peccato, si perde molta atmosfera per questo motivo. A parte questo, il maggiore Jones ha gli occhi chiusi e rovina la foto)
(La nuova grafica è meno fumettistica, ma più simile a una grafica 3D con un filtro fumettistico. È un vero peccato, si perde molta atmosfera per questo motivo. A parte questo, il maggiore Jones ha gli occhi chiusi e rovina la foto)

È bloccato in ogni angolo

Il remake di due anni fa era pieno di bug e la comunità era infastidita dalla qualità grafica più scadente rispetto all”originale del 2003. Chi si aspettava dei progressi significativi in quest”ultimo punto rimarrà purtroppo deluso. Anche se la grafica appare un po” più “cell-shaded” grazie alla rielaborazione, domina lo stile grafico della nuova edizione di due anni fa, che per i miei gusti si spinge troppo nel 3D.

(Questa immagine riassume molto di ciò che non va nella nuova grafica. Dopo aver terminato queste tre sezioni di livello nel canyon, il nostro tester aveva mal di testa)
(Questa immagine riassume molto di ciò che non va nella nuova grafica. Dopo aver terminato queste tre sezioni di livello nel canyon, il nostro tester aveva mal di testa)

Tuttavia, è proprio questo che rendeva il gioco originale così speciale e lo distingueva dalla massa. Gli effetti comici con le onomatopee, il picture-in-picture e la visione sfocata sono inclusi, ma a mio parere troppo sottili sullo sfondo. Ad esempio, non riesco a capire perché abbiano rimosso scritte iconiche come le inquadrature all”inizio, quando il bagnino muore. Inoltre, la schermata iniziale di un livello, composta da diverse immagini a fumetti, non esiste più. Invece, la vista è ora “normale”.

Guardando i personaggi e i loro tratti somatici, purtroppo vediamo figure in 3D e non eroi dei fumetti. Con la nuova grafica, i passaggi di consegne, i momenti dei personaggi e le transizioni appaiono in qualche modo stridenti e legnosi – anche se i nuovi sviluppatori si sono orientati maggiormente verso il look originale dopo l”aggiornamento, molto è andato perduto.

Tutto ciò è fastidioso, ma in definitiva è una questione di gusti. E lo stato tecnico del gioco? Non è ancora impeccabile, ma almeno il gioco può essere giocato senza grossi (!) problemi. Il fatto che la bagnina scalza all”inizio faccia dei rumori di camminata come se indossasse degli stivali, o che le espressioni dei personaggi non siano sempre sincronizzate con le labbra, rientrano nella categoria “fastidioso, ma non troppo”. È più fastidioso che i discorsi dei personaggi si interrompano molto spesso nel bel mezzo di una frase o che io possa ancora sentire i dialoghi dei nemici che sono già stati messi al tappeto. Se i PNG amici attraversano il percorso di XIII, può accadere che scivolino sotto il personaggio e che il protagonista fluttui in aria – e ci rimanga.

Molte volte mi sono trovato in situazioni in cui non potevo evitare di ricaricare il checkpoint. Ad esempio, durante la missione a Plain Rock, quando XIII era bloccato nel soffitto della cella all”inizio, incapace di muoversi. La successiva marcia con le guardie è stata un successo solo con la fortuna, perché dal nulla ho ricevuto colpi di canna perché la guardia, invece di camminare dietro di me, era bloccata da qualche parte e io ero quindi troppo lontano da lui. Altre volte sono rimasto bloccato in una scala a chiocciola del monastero o sono stato sbalzato mentre cercavo di scendere una scala.

Inoltre, capita spesso che dopo un checkpoint durante una missione, l”inventario delle armi venga modificato. Posso capire che XIII abbia solo alcune pistole da tiro più piccole all”inizio della missione. Ma se ho accumulato un grande arsenale nel corso di una missione, poi supero un checkpoint in un corridoio e improvvisamente ho solo due pistole e un fucile a pompa alla fine del corridoio, non riesco a capirlo.

Sembra che gli sviluppatori vogliano “suggerirmi” (per non dire impormi) un certo stile di gioco, ma sono anche incoerenti al massimo. Dopo alcune uccisioni e pochi secondi, ho già catturato il fucile d”assalto che avevo usato prima. Qual è il punto?

Quello che il remake fa bene

Potrei continuare così per un po”: Il comportamento dell”IA è pessimo, i passaggi furtivi (come nell”originale) possono essere completati anche sparando all”impazzata (con alcune eccezioni) e non mi soffermo nemmeno sull”orientamento dell”elicottero nella boss fight. Tuttavia, ci sono cose che il remake fa bene e che sono stato molto felice di abbracciare durante il playthrough.

(Un grande miglioramento è il menu sensibile al contesto, visibile qui al rampino)
(Un grande miglioramento è il menu sensibile al contesto, visibile qui al rampino)

Questo include tutte le moderne funzioni di comfort che non esistevano 20 anni fa. È una benedizione poter usare il rampino in modo contestuale nei punti caldi premendo un tasto su E. Non mi manca affatto l”imbarazzante incertezza dell”originale e la gestione degli oggetti ingombranti. Anche le sparatorie sono divertenti e facili da gestire. Quando gli AK47 o gli M16 si mettono a sparare e si sente il suono soddisfacente del feedback dei colpi, mi ritrovo nel bel mezzo della battaglia e gioco di nuovo al “mio” XIII.

Per un remake che è stato anche ampiamente rielaborato, tuttavia, è troppo poco per un prezzo di poco inferiore ai 30 euro. Soprattutto perché XIII Classic costa sei euro su Steam e, a parte la mancanza di risoluzione widescreen, funziona perfettamente – controlli ingombranti o meno.

Considerazione dell”editore

Ho grandi ricordi della mia gioventù videoludica con XIII. Quando due anni fa il remake è stato portato così disastrosamente contro il muro, ho pensato che fosse un grande peccato per questo gioco ancora grande. Sono deluso dal remake, perché a fronte del grande sforzo, del prezzo e della forte comunicazione dell”editore Microids, il risultato è spaventosamente scarso. Sì, tecnicamente il gioco è in uno stato migliore, ma è ancora lontano dall”essere “molto buono”. Sì, la grafica è stata adattata maggiormente all”aspetto del fumetto, ma solo in minima parte e gli effetti sono stati addirittura ridotti rispetto all”originale.

Onestamente, non capisco né il senso né la necessità di questo remake. Inoltre, a causa dei difetti, non mi sembra una trasformazione amorevole di un prodotto nostalgicamente valido nell”era moderna – è questo che dovrebbero essere i remake, giusto? – ma comunque come un adattamento a metà senza una garanzia di qualità affidabile. D”altra parte, sono stato molto felice di accettare le caratteristiche di comfort gratitudine. Ma da soli non giustificano in alcun modo la qualità del gioco. Il fatto che dopo due anni possa essere giocato solo con alcune stranezze non è una cosa che gli sviluppatori dovrebbero appuntarsi sul bavero.

RELATED ARTICLES

Super Mario Bros.: il primo trailer è in attesa

Quasi esattamente un anno fa Nintendo annunciava il film di Super Mario Bros. Ora c'è finalmente una data...

Patch 12.18 dei Mondiali – Cosa significano i cambiamenti dei campioni per le squadre di LoL

Il campionato mondiale di League of Legends si giocherà con la patch 12.18. Riot Games sta quindi apportando modifiche...

8 minuti alla volta in Scorn, probabilmente lo sparatutto in prima persona più insolito degli ultimi anni

Se vuoi giocare a Scorndevi essere davvero inquietante. Il team si è ispirato a H.R. Giger, responsabile del design...