9.3 C
Berlino
sabato, Aprile 20, 2024

Recensione di Pacific Drive: non c’è un altro gioco di sopravvivenza come questo

Follow US

80FansLike
908FollowersFollow
57FollowersFollow

Pacific Drive vi fa vivere una montagna russa di emozioni, su quattro ruote. Il gioco di sopravvivenza più innovativo dell’anno sarà probabilmente anche uno dei più chiacchierati

Nella vita reale, le visite in officina tendono a essere drammatiche:Lascio la mia auto al mattino per un problema apparentemente minore o addirittura per un controllo di routine e inizialmente sono di buon umore. Con l’avanzare della giornata, guardo con ansia il cellulare e attendo la telefonata “Abbiamo trovato qualcosa che non va nell’auto”. Non appena il telefono squilla, precipito in un disastro finanziario. Dramma

Pacific Drive è una storia completamente diversa. Quando raggiungo il garage e l’officina di casa mia nel gioco di sopravvivenza di Ironwood Studios, mi sento felice e al sicuro. È il luogo in cui mi rigenero dopo un estenuante giro nell’area riservata e sblocco miglioramenti per la mia auto con il mio bottino.Perché in Pacific Drive il dramma si svolge fuori dal garage.

Ho provato una versione in anteprima di questo insolito gioco di sopravvivenza in auto due mesi fa. Fondamentalmente, il concetto e la realizzazione mi sono piaciuti, ma il bilanciamento e alcune meccaniche di gioco mi hanno fatto venire il mal di pancia.Il mio giudizio dopo 20 ore nella versione di prova è molto più positivo.

Con l’auto di proprietà attraverso la zona riservata

Ah, gli anni ’90! Il mondo sta cambiando e le frontiere si aprono. Tranne che per le alte e spesse mura della Zona di esclusione olimpica sulla Penisola Olimpica, nel nord-ovest degli Stati Uniti. La zona sulla costa del Pacifico rimane un’area riservata. Alla fine degli anni ’40 vi fu realizzata un’invenzione tecnologica rivoluzionaria. Tuttavia, dopo la segnalazione di persone scomparse e di eventi soprannaturali, il governo chiude l’area agli occhi del mondo.

Questo è l’emozionante punto di partenza di Pacific Drive. Nei panni di un protagonista senza parole e disincarnato, penso che sia una buona idea fare un giro all’esterno del muro nel 1998. Non è chiaro cosa voglia fare: all’inizio, il mio personaggio tiene davanti alla sua visuale in prima persona alcuni documenti misteriosi che suggeriscono una qualche connessione con la zona. Ma potrebbe anche trattarsi di una preparazione al viaggio del tipo “non ho bisogno di chiedere indicazioni!” dell’epoca precedente ai sistemi di navigazione.

Dopo pochi minuti di viaggio, un’anomalia mi inghiotte. Mi risveglio tra le parti galleggianti della mia auto e corro a salvarmi per paura. In lontananza scorgo una sgangherata autovettura, la quintessenza della famiglia, e salgo. Durante il viaggio, i due scienziati Francis e Tobias mi contattano via radio, spiegandomi qualcosa su una reliquia che si suppone sia l’auto, e mi indirizzano verso l’officina della sempre scorbutica Oppy. Anche se non è in casa, non perde l’occasione di sfogare il suo malumore e i suoi postumi via radio.

A questo punto Pacific Drive ha già stabilito le sue strutture di base: Sono solo con la mia auto in una zona molto ostile e delimitata. L’officina funge da punto di accesso alle istanze del livello e da centro di stoccaggio e messa a punto. I tre personaggi di supporto mi forniscono obiettivi radio in regioni sempre più pericolose per i quali devo migliorare la mia auto. Questa è la semplice meccanica di motivazione di Pacific Drive, e funziona.

(In Pacific Drive, esploro l'area intorno alla misteriosa Olympic Exclusion Zone. Prima di rendermene conto, mi trovo dietro l'enorme muro di confine della zona di esclusione e quindi in grave pericolo!
(In Pacific Drive, esploro l’area intorno alla misteriosa Olympic Exclusion Zone. Prima di rendermene conto, mi trovo dietro l’enorme muro di confine della zona di esclusione e quindi in grave pericolo!

Guarda sotto il cofano: come suona la Pacific Drive?

Pacific Drive non dice molto all’inizio. Il personaggio principale muto mi ha inizialmente irritato, così come il fatto che apparentemente accetti le strane anomalie. Soprattutto perché le anomalie si presentano sia come fenomeni ambientali (?) soprannaturali sia come creature sinistre che mi danno la caccia.

Ma viaggiando nella zona, analizzando anomalie e strutture con il mio scanner, ascoltando i registri audio e i messaggi radio molto divertenti degli anglofoni, imparo molto sulla storia. Questo aspetto è sottilmente alla base delle mie escursioni nella Zona, in quanto mi ritrovo a volerne sapere di più, sia sui destini delle persone qui presenti che sulla Zona nel suo complesso.

Questo non è un classico open world. Un’occasione sprecata, perché in un gioco di sopravvivenza con un’auto come compagna, questo sarebbe stato più che appropriato. Invece, gli sviluppatori hanno optato per un gameplay roguelike: seleziono la mia prossima destinazione su una mappa nell’officina. Lì posso anche vedere quali potenziali pericoli e tipi di bottino mi aspettano. Poi salgo in macchina, lascio l’officina in direzione della schermata di caricamento e arrivo all’istanza del livello.

Il cosiddetto dispositivo ARC, una macchina tecnica magica, si trova sempre sul sedile del passeggero Mi permette di tornare all’officina tramite un salto portale e deve essere alimentato con energia dai cosiddetti nodi di ancoraggio. Quest’ultima mi serve anche per sbloccare miglioramenti o progetti di ricerca nell’officina.

(Il dispositivo ARC si trova sul sedile del passeggero. Mostra la mappa, i luoghi interessanti, i nodi energetici e i portali per il viaggio di ritorno all'officina.)
(Il dispositivo ARC si trova sul sedile del passeggero. Mostra la mappa, i luoghi interessanti, i nodi energetici e i portali per il viaggio di ritorno all’officina.)

Quando arrivo a un’istanza di livello, posso vedere il percorso della strada, i luoghi interessanti, i nodi di energia e i portali per il viaggio di ritorno sulla mappa rudimentale del dispositivo ARC. Le istanze di livello sono generate casualmente e ognuna delle grandi aree della zona ha le proprie caratteristiche visive, che tuttavia diventano rapidamente ripetitive.

Con poche eccezioni, ogni istanza di livello è la stessa: arrivare, viaggiare verso i punti di interesse, raccogliere bottino, ottenere nodi di energia, attivare il portale e fuggire prima che la tempesta in arrivo distrugga tutto. Fanno eccezione le missioni della storia con un obiettivo fisso e le istanze senza un proprio portale. Qui devo lasciare il mondo attraverso una strada per attivare un portale sulla prossima mappa generata casualmente

Esplorazione senza stress? Potete (quasi) dimenticarvene!

In un gioco che vuole trasmettere il fascino dell’esplorazione di un mondo sconosciuto con una station wagon, trovo i livelli istanziati e la forte pressione ad agire piuttosto inappropriati. Non stiamo parlando di un’auto ad alta velocità, ma dell’auto con cui Clark Grisworld girava per gli Stati Uniti negli anni ’80.

(Anomalie come questi dissuasori possono far cadere l'auto sul tetto. In questi casi, rimetto il mio veicolo sulle gomme con un teletrasporto di emergenza)
(Anomalie come questi dissuasori possono far cadere l’auto sul tetto. In questi casi, rimetto il mio veicolo sulle gomme con un teletrasporto di emergenza)

Se sperate nell’esplorazione in Pacific Drive, rimarrete sicuramente delusi dal gioco. Appena entro nelle istanze di livello, guido fino ai luoghi segnati sulla mappa, scendo, impacchetto tutto e me ne vado. Perché dopo 15-20 minuti la tempesta sta per arrivare.

Poiché devo raccogliere le energie per il viaggio di ritorno attraverso il portale all’inizio di un’istanza di livello, mi sento sempre stressato. Non mi piace dover raccogliere due o tre oggetti in un livello prima di poter ripartire, senza aver raccolto nemmeno un miglioramento.

Quando muoio in Pacific Drive, non è la fine. Poiché la mia auto è la suddetta reliquia, quando muoio mi teletrasporta automaticamente al garage. Tuttavia, mi ritrovo in uno stato desolato, senza bottino e con un inventario fortemente esaurito. Se fallisco un livello, sto praticamente peggio di prima.

Il gioco mi dà la possibilità di ottenere piastre e porte primitive nell’officina. Ma se ho già problemi con l’equipaggiamento in acciaio migliore, riprovare con un equipaggiamento più scadente non mi rende necessariamente ottimista.

Inoltre, non mi è consentito salvare durante le istanze. Quando si entra nella zona, c’è uno stato di salvataggio automatico (che sovrascrive anche l’ultimo slot di salvataggio manuale utilizzato) – tutto qui. L’unica cosa da fare a quel punto è annullare il tour (e avere meno) o continuare. Oppure potete fare come me e salvare sempre manualmente in due slot prima di un tour

(Quando viaggio in istanze di livello con stabilità infinita e posso semplicemente esplorare, eccolo: il romanticismo del viaggio in Pacific Drive)
(Quando viaggio in istanze di livello con stabilità infinita e posso semplicemente esplorare, eccolo: il romanticismo del viaggio in Pacific Drive)

Calcolabile rischio

Almeno Pacific Drive mi dà un’idea di cosa mi aspetta durante il mio prossimo viaggio in auto. Quando pianifico il percorso, vedo le informazioni sui modificatori che si applicano in quel caso. Si va da un temporale veloce (nel qual caso il fattore di stress interviene subito dopo la partenza) a una notte molto buia (in cui non riesco a vedere nulla senza luce) fino a nessun temporale con il modificatore “Stabilità infinita”. Quest’ultimo, in particolare, evita che Pacific Drive diventi un fastidioso festival della frustrazione.

Se all’inizio scegliete solo istanze stabili, avrete rapidamente un garage pieno di bottini, sbloccherete miglioramenti importanti come parti in acciaio e pneumatici da fuoristrada e inizierete l’avventura in modo completamente diverso da chi si limita a diventare una pedina della zona.

(A quanto pare, l'accumulo di carta igienica era già un problema alla fine degli anni '90, almeno nello scenario alternativo di Pacific Drive).
(A quanto pare, l’accumulo di carta igienica era già un problema alla fine degli anni ’90, almeno nello scenario alternativo di Pacific Drive).

Secondo me, dovrebbe essere scritto a caratteri cubitali sulla porta del garage prima dell’uscita per fare prima esperienza in regioni stabili. Ma una volta che ho scelto un percorso sulla mappa, sono bloccato con quello. Se non ha una stabilità infinita, è una sfortuna. Non posso più provare gli altri in questo ciclo (salvando prima!)

Pacific Drive pone anche alcuni ostacoli evitabili a causa dei controlli complicati. In particolare, la gestione inutilmente complicata dell’inventario dà rapidamente sui nervi. Durante la guida, inoltre, bisogna destreggiarsi tra innumerevoli pulsanti, ma d’altra parte l’atmosfera trae vantaggio dal fatto che si possono selezionare le luci, i tergicristalli, il cambio ecc. direttamente nell’abitacolo, proprio come in una simulazione

Fidati di un copilota affidabile

Sono questi dettagli a dimostrare quanto amore ci sia in Pacific Drive. Sto sviluppando un legame molto forte con la mia station wagon, sono ossessionato dal miglioramento dei suoi componenti e le do sempre una nuova mano di vernice, compresi gli adesivi e le decorazioni interne

La messa a punto, i potenziamenti dell’officina e lo sblocco di miglioramenti per il mio personaggio, come uno zaino più grande, sono motivanti e aiutano a superare alcuni momenti di frustrazione. Perché il rischio di frustrazione è sempre presente. Ad esempio, se finisco in uno scenario con il modificatore “notte nera come la pece”, ho assolutamente bisogno delle mie lampade.

(Il sistema di messa a punto è piacevolmente esteso: in garage avvito parti migliori sull'auto per una maggiore protezione. Il freno a mano, invece, è un'abilità speciale che sfrutto attivamente)
(Il sistema di messa a punto è piacevolmente esteso: in garage avvito parti migliori sull’auto per una maggiore protezione. Il freno a mano, invece, è un’abilità speciale che sfrutto attivamente)

Se si rompono a causa di un errore di guida o se la batteria è scarica e non ho ricambi, posso dimenticare il round. Non c’è nulla contro le sfide difficili, ma in Pacific Drive basta un attimo di disattenzione per trasformare quello che dovrebbe essere un percorso facile con una buona posizione di partenza in un finale frustrante.

Un esempio: la mia auto ha parti in acciaio, fari laterali e batteria carica. Entro in una situazione di buio pesto, rimango sulla strada e cerco l’uscita. Improvvisamente, la mia auto inizia a sbandare perché ho colpito il bordo di un’anomalia. Riesco quasi a rimanere sulla strada, ma ora una creatura rapitrice mi vede. Allunga la sua calamita e mi trascina con sé, purtroppo giù per la scarpata. Le luci sono rotte, sono incastrato tra gli alberi. Lo schermo è nero come la pece e all’improvviso suona il segnale di allarme per la tempesta. Mi viene subito voglia di mordere il piano del tavolo.

Eppure, poco dopo, inizio il mio prossimo giro di esplorazione. Perché a ogni viaggio imparo a leggere meglio Pacific Drive e… beh… a evitare meglio i pericoli. Perché il prossimo aggiornamento è già a portata di mano. E, naturalmente, perché a ogni viaggio svelo un po’ di più il mistero della zona contaminata.

Tuttavia, temo che molti tireranno il freno a mano per la frustrazione prima di allora. E spero che lo sviluppatore Ironwood fornisca aggiornamenti che rendano almeno l’inizio del gioco un po’ più fluido e spieghino meglio i collegamenti

(devo essere preparato a tutto quando viaggio nella zona. Oltre alle anomalie e alle tempeste, la semplice oscurità mi causa spesso grossi problemi)
(devo essere preparato a tutto quando viaggio nella zona. Oltre alle anomalie e alle tempeste, la semplice oscurità mi causa spesso grossi problemi)

Grafica tra atmosferico e “sei serio? “

Pacific Drive utilizza l’Unreal Engine 4 per creare impressioni davvero atmosferiche di una zona deserta e inquietante. Durante il giorno, vedo panorami di paesaggi e montagne, linee elettriche e torri fatiscenti, case abbandonate, valanghe di auto e così via. Di notte, ascolto ogni suono e vengo spaventato da anomalie che si illuminano all’improvviso – e nella tempesta, tutto è comunque troppo tardi.

D’altra parte, continuo a inciampare o a guidare su cali di qualità davvero evidenti – in particolare le texture dell’erba e della pietra, a volte assurdamente a bassa risoluzione, si staccano ripetutamente dall’atmosfera altrimenti densa.

Ma in qualche modo tutto ciò si adatta bene a Pacific Drive, un gioco di sopravvivenza che oscilla tra gli estremi, e non solo in termini di clima. Un gioco che regolarmente maledico nel peggiore dei modi, per poi ricominciare poco dopo un nuovo round, motivato fino alla punta dei capelli. Un gioco che i fan della sopravvivenza ameranno e odieranno in egual misura. Una vera e propria regina del dramma

Precisazione del redattore

Pacific Drive mi regala una montagna russa permanente di emozioni: l’idea di avere un’auto come compagna porta una ventata di aria fresca nel genere survival, lo sblocco e la messa a punto sono estremamente motivanti e posso anche costruire visivamente la macchina dei miei sogni con colori e adesivi. In termini di giocabilità, tuttavia, la scarpa si stringe ancora, e non solo perché personalmente avrei voluto un mondo aperto.

Invece di scoprire luoghi e tesori nelle istanze dei livelli, guido attraverso le stesse vecchie aree, visito gli stessi vecchi hotspot e raccolgo gli stessi vecchi oggetti. Dato che la storia misteriosa e i miglioramenti sbloccabili mi intrattengono, sono contento di essere coinvolto nel complesso. Tuttavia, il bilanciamento tra anomalie e modificatori di livello mette costantemente alla prova la mia tolleranza alla frustrazione.

Raccomando Pacific Drive a chiunque voglia sperimentare la sopravvivenza in modo diverso. Come una vecchia auto, il gioco ha le sue stranezze. E proprio come una vecchia auto non rende tutti felici, anche Pacific Drive probabilmente non lo farà. Ma sono sicuro che molti fan fedeli si divertiranno a giocare a questo gioco

RELATED ARTICLES

Il pluripremiato gioco TMNT arriverà a luglio su Switch

Un apprezzato gioco delle Teenage Mutant Ninja Turtles farà il suo debutto su console nel corso dell'anno con l'uscita...

Gioco horror in stile PS1 in arrivo su Xbox il 9 maggio

Gli appassionati di Resident Evil e di altri giochi horror retrò ricevono una notizia entusiasmante: un nuovo titolo horror...

Counter-Strike 2 rilascia un nuovo aggiornamento

Counter-Strike 2 riceve un nuovo aggiornamento che introduce una manciata di miglioramenti dell'interfaccia utente e correzioni di bug dopo...