-0.5 C
Berlino
giovedì, Gennaio 26, 2023

One Piece Odyssey in recensione: milioni di persone aspettavano un gioco di ruolo come questo – e giustamente?

Follow US

80FansLike
908FollowersFollow
54FollowersFollow

One Piece Odyssey fa quasi tutto bene nell”implementazione del famosissimo originale. Tuttavia, il gameplay si trascina come una gomma nonostante il mondo aperto.

Perdonate la brutta gag nei titoli di testa, ma un”allusione alle capacità di gomma del protagonista di One Piece era davvero troppo ovvia. Rubber non solo si adatta perfettamente a Monkey D. Ruffy, ma anche al gameplay di One Piece Odyssey.

Se si considerano le valutazioni degli utenti di Steam, il gioco di ruolo open-world è un successo: l”84% delle recensioni positive sono sui libri, piene di elogi per l”implementazione di una delle serie più conosciute al mondo, amata da milioni di fan.

One Piece Odyssey è un sogno che si avvera per i fan e un ottimo punto di ingresso per i nuovi arrivati alla serie. Ma il test lo dimostra: Bisogna chiudere un occhio. O indossare subito una benda per gli occhi.

Per darvi una prima impressione del gioco di ruolo, abbiamo registrato per voi una breve clip di gioco che mostra il gameplay tipico e la grafica del PC:

Una festa per i fan

Lo sviluppatore ILCA combina gli elementi di un classico gioco di ruolo giapponese con la storia dell”anime in One Piece Odyssey. One Piece Odyssey intreccia quattro parti dell”originale – compreso il famoso arco di Alabasta – con il gameplay. Nel farlo, i registi si prendono delle piccole libertà nella realizzazione della trama.

 (La banda di Cappello di Paglia deve rivivere i ricordi del passato durante la sua avventura. Un viaggio nostalgico ad Alabasta è il primo viaggio nella memoria)
(La banda di Cappello di Paglia deve rivivere i ricordi del passato durante la sua avventura. Un viaggio nostalgico ad Alabasta è il primo viaggio nella memoria)

L”isola di Waford fa da sfondo alla storia. La banda di Cappello di Paglia vi atterra e poco dopo il loro arrivo perdono le loro capacità. Per riconquistarli, devono sconfiggere quattro colossi. Questi sputano dadi che restituiscono gradualmente all”equipaggio le proprie abilità. Nel frattempo, rivivono i ricordi del passato – c”è molta nostalgia qui per i conoscitori della serie – con l”aiuto dei nuovi personaggi Lim e Adio.

La trasposizione dell”originale è il più grande punto di forza di One Piece Odyssey. Lo stile dell”anime è curato, la tecnica è impeccabile e i personaggi preferiti dai fan della Banda del Cappello di Paglia sono catturati in modo meravigliosamente affascinante. È divertente fin dall”inizio ascoltare i loro dialoghi e vederli interagire. Gli speaker originali giapponesi svolgono un ruolo importante, ma purtroppo non ci sono voci fuori campo in tedesco o in inglese. Ci sono invece testi in lingua tedesca.

One Piece Odyssey fornisce un buon riassunto dei punti importanti della trama dell”anime. Quindi, se non volete recuperare 1.000 episodi o più di cento libri, ma avete già avuto un primo contatto con One Piece, il gioco vi darà un buon inizio nel mondo dei pirati. A condizione, ovviamente, che gli spoiler non siano un problema.

(One Piece Odyssey cattura brillantemente i personaggi dell''anime)
(One Piece Odyssey cattura brillantemente i personaggi dell”anime)

I neofiti della serie, tuttavia, potrebbero avere difficoltà a comprendere alcuni tratti o emozioni dei personaggi. Coloro che non amano la rappresentazione eccessiva dell”anime avranno difficoltà ad entrare nel gioco.

In particolare, la rappresentazione dei personaggi femminili non appare più contemporanea e goffa. All”inizio del manga e della serie, le proporzioni di Nami e Nico erano ancora diverse. Il fatto che questo sia cambiato sia nel gioco che negli episodi attuali è qualcosa di cui One Piece non ha bisogno;

(Adio è uno dei nuovi personaggi creati dal creatore della serie Eiichiro Oda appositamente per il gioco)
(Adio è uno dei nuovi personaggi creati dal creatore della serie Eiichiro Oda appositamente per il gioco)

La noia sul ponte

Ma all”inizio di One Piece Odyssey, la pazienza è necessaria. Perché l”inizio è tutt”altro che avvincente e dinamico: si corre con Ruffy o con un altro membro della sua squadra da una scena tagliata all”altra. Questi sono divertenti grazie alla messa in scena ben riuscita, ma l”azione perde ritmo.

La missione tutorial ne è un esempio perfetto. Dopo che la banda di Cappello di Paglia si è arenata, alcuni membri sono scomparsi. Ruffy e Co. partono alla ricerca di Nami, che è nelle grinfie di un grosso gorilla. Lungo il percorso, ci imbattiamo in una scena tagliata o in un combattimento apparentemente ogni dieci passi.

 (I dadi possono essere trovati nel mondo di gioco e ripristinano lentamente le abilità dell''equipaggio dei pirati)
(I dadi possono essere trovati nel mondo di gioco e ripristinano lentamente le abilità dell”equipaggio dei pirati)

La boss fight vera e propria compensa con una messa in scena divertente, ma questa sequenza di eventi si ripete più volte nelle missioni principali successive, così che l”elemento sorpresa viene a mancare e la noia si diffonde invece per tutte le 35 ore di gioco.

Tu e quale esercito?

Le battaglie frequenti tendono a essere troppo facili, secondo la nostra esperienza. C”è un solo livello di difficoltà e nel corso del gioco sono mancate le grandi sfide per i nostri pirati. I combattimenti con i boss contro i colossi o i cattivi più noti, come Crocodile, sono i momenti salienti del gioco grazie alla loro divertente messa in scena, ma anche in questo caso i pirati non sudano molto.

(Gli attacchi iconici dell''anime sono messi in scena in modo spettacolare nelle battaglie)
(Gli attacchi iconici dell”anime sono messi in scena in modo spettacolare nelle battaglie)

Questo è tragico perché il sistema di combattimento è buono e offre elementi familiari di un gioco di ruolo giapponese. Il processo è a turni e possiamo regolare l”ordine dei turni. Inoltre, ogni membro della squadra porta con sé un ampio catalogo di abilità, già note nell”anime e messe in scena in modo spettacolare.

Possiamo sfruttare le debolezze dei nostri avversari utilizzando il principio “forbice-sasso-carta”. Se ignoriamo queste possibilità tattiche, tuttavia, di solito possiamo ancora trionfare facilmente sui nostri avversari. Se non si ha voglia dei noiosi combattimenti standard, si può aumentare la velocità o addirittura attivare il pilota automatico, in modo che il gioco regoli da solo i combattimenti.

 (I combattimenti con i colossi sono una parte importante della storia. Restituiscono a Ruffy e Co. il loro potere)
(I combattimenti con i colossi sono una parte importante della storia. Restituiscono a Ruffy e Co. il loro potere)

Nessun compito per un pirata

Se non avete voglia di combattere, spesso potete evitare i nemici che girano liberamente nel mondo di gioco. L”open world è deludente: c”è poco da esplorare fuori dai sentieri battuti. In alcuni dungeon ci attendono alcuni facili enigmi, che vengono risolti rapidamente. Anche i compiti secondari opzionali mancano di ingegno.

(Gli enigmi, se così vogliamo chiamarli, sono simili alle battaglie: nessuna grande sfida)
(Gli enigmi, se così vogliamo chiamarli, sono simili alle battaglie: nessuna grande sfida)

Ci siamo davvero scocciati quando One Piece Odyssey ci ha rimandato in aree già conosciute solo per svolgere monotoni compiti di raccolta. Anche nel corso della trama principale, spesso ci muoviamo lungo percorsi già noti.

Quando volevamo fare una pausa di frustrazione, il sistema di salvataggio ci ha rallentato. Non è possibile salvare automaticamente o manualmente tramite il menu. Il risparmio è possibile solo in punti appositamente designati, che sono comunque generosamente distribuiti.

(L''umorismo tipico della serie si trova dietro ogni angolo. Le discussioni tra Sanji e Zorro ne fanno ovviamente parte)
(L”umorismo tipico della serie si trova dietro ogni angolo. Le discussioni tra Sanji e Zorro ne fanno ovviamente parte)

Tutti a bordo?

Chi è un grande fan della Banda del Cappello di Paglia può essere in grado di ignorare questi momenti di frustrazione e le carenze del gameplay. I fan che hanno chiuso un occhio potranno conoscere il mondo e i personaggi dell”anime con One Piece Odyssey e sono invitati ad aggiungere altri dieci punti alla valutazione.

Tuttavia, se manca questo legame, è difficile ignorare il backtracking, le battaglie noiose e i compiti poco fantasiosi. Se non ne avete abbastanza di JRPG con sistemi di battaglia a turni, dovreste piuttosto cercare altri rappresentanti del genere su PC. Dragon Quest 11, la serie Persona o il recente Chained Echoes offrono una sfida molto più impegnativa e un gameplay entusiasmante.

Conclusione editoriale

All”inizio, One Piece Odyssey mi ha davvero annoiato. L”inizio è duro, i compiti monotoni e i combattimenti troppo facili. Dopo il primo capitolo, tuttavia, la storia prende velocità e i nuovi personaggi si inseriscono in modo coerente nella popolare banda di pirati. Le storie familiari dell”anime sono mescolate in modo sensato con nuovi aspetti. La presentazione amorevole crea un”atmosfera davvero piacevole.

Mi sarebbe piaciuto ancora di più se il gioco fosse stato più breve e avesse avuto più ritmo nella produzione. In alcuni momenti si nota che gli sviluppatori stanno trascinando artificialmente l”azione. Il fatto di dover tornare costantemente in luoghi familiari mi ha infastidito e ha messo a dura prova la mia motivazione. A parte gli scontri con i boss, non ci sono praticamente sfide. L”originale è realizzato in modo eccellente ed è una festa per i fan, ma in termini di gameplay ci sono alternative di genere migliori.

RELATED ARTICLES

Il concerto di Fortnite di Kid LAROI questa settimana

Il prossimo concerto in-game di Fortnite è dietro l'angolo e sembra che questa volta sarà The Kid LAROI a...

World War Z rilascia la modalità Orda XL

L'ultimo aggiornamento dei contenuti di World War Z aggiunge una nuova modalità di gioco chiamata Horde Mode XL...

Forza Horizon 5 aggiunge nuovi contenuti in onore di Ken Block

Forza Horizon 5 sta aggiungendo nuovi contenuti di gioco in onore della defunta star del motorsport Ken Block. Il...