18 C
Berlino
martedì, Giugno 28, 2022

Il futuro dell’e-sport: i campionati di franchising conquistano il mercato

Follow US

80FansLike
908FollowersFollow
50FollowersFollow

Campionati in franchising in anticipo: la tendenza che gli organizzatori dei tornei si affideranno sempre più ai diritti esclusivi e ai sistemi di franchising continuerà anche nel 2020. I nuovi arrivati nel sistema sono la ESL Pro League e la Flashpoint League.

Negli ultimi anni, le leghe di franchising della League of Legends e Overwatch si sono sviluppate in un vero e proprio modello di successo per le squadre partecipanti. Nel frattempo, Blizzard ha anche adattato il sistema della lega di Overwatch per la chiamata di servizio e ha venduto gli slot per 25 milioni di dollari secondo ESPN.

Il principio del franchising è arrivato anche in Counter-Strike. Dopo che BLAST aveva già preso il comando l’anno scorso, ESL e Flashpoint stanno ora seguendo l’esempio. Sia la ESL Pro League che il Flashpoint league, che si gioca in collaborazione con Faceit, hanno costruito elementi di franchising nelle leghe per legare le squadre a lungo termine.

Flashpoint e ESL nella battaglia per l’esclusività
Flashpoint si è assicurato dieci squadre partner per il nuovo campionato, ognuna delle quali, secondo Dexerto, ha pagato due milioni di dollari USA per un posto nel campionato. Per il solo Global Qualifier, attraverso il quale due squadre possono qualificarsi per Flashpoint, verrà distribuito un premio in denaro di 100.000 dollari USA. Tra i partecipanti c’è la squadra tedesca BIG.

Il campionato vero e proprio FLASHPOINT inizia a marzo. FLASHPOINT ha assicurato i team MIBR, Cloud9 e Dignitas come partner. Tuttavia, la formazione dei talenti del campionato FLASHPOINT è più impressionante di quella delle squadre partecipanti. Oltre al direttore creativo Dunkin “Thorin” Shields, Falshpoint si è assicurato anche commentatori come Auguste “Semmler” Massonnat, Anders Blume, Jason “Moses” O’Toole e l’ex commentatore di Overwatch Christopher “MonteChristo” Mykles.

La ESL Pro League, invece, segue il percorso meno tradizionale del franchising e non richiede alle squadre di pagare una quota di partecipazione in anticipo. ESL ha invece avviato una partnership con 13 team, che si sono impegnati con entrambe le parti. In seguito al divieto di esclusiva di Valve in un post sul blog del settembre 2019, i severi divieti di partecipazione ad eventi organizzati da altri organizzatori sono stati eliminati dal cosiddetto Accordo del Louvre, ma i team partner sono ancora obbligati a partecipare a un certo numero di eventi ESL Pro Tour.

Non coinvolto, ma nel bel mezzo di esso: BLAST Premier con un ruolo pionieristico

Mentre ESL e Flashpoint hanno combattuto la loro battaglia per i diritti esclusivi e le migliori squadre, BLAST è già stato in grado di prendere il comando nel franchising in Counter-Strike l’anno scorso. Nelle ultime tre settimane, BLAST ha festeggiato l’inizio della Primavera di Primavera di BLAST a Londra, un format di campionato a cui BLAST ha firmato contratti per un totale di dodici squadre.

L’anno scorso, BLAST è stato catturato nel fuoco incrociato della comunità con accordi esclusivi con squadre come Astralis, Liquid e Na’Vi. A causa dei contratti con BLAST, i top team sono mancati in alcuni dei più grandi eventi internazionali di ESL e DreamHack. Confrontando ciò che è successo dal punto di vista odierno, l’organizzatore di BLAST RFRSH è stato semplicemente un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Lega di franchising senza l’editore: quando interviene Valve?
La grande differenza tra il consolidato sistema di franchising di Riot Games e Activision rimane l’assenza di Valve come partner di cooperazione di una delle leghe CS. Anche Valve persegue questa strategia con il suo titolo di e-sports Dota2. Al contrario, le leghe di franchising in League of Legends così come Overwatch e Call of Duty sono organizzate dai loro editori Riot e Activision.

Ma Valve ha un’influenza: Dopo che l’ESL ha chiesto ai suoi team partner diritti esclusivi rigorosi in una bozza di contratto, Valve è intervenuta e ha criticato pubblicamente questo approccio sul blog di Counter-Strike: Global Offensive.

È chiaro che dopo i campionati di franchising in League of Legends e Activion, altri titoli Esport come Counter-Strike stanno ora ponendo maggiore enfasi sul franchising. Il motivo è che i team e gli organizzatori possono ora pianificare le loro entrate più facilmente. Secondo l’industria dei giochi, ESL ha dovuto lottare con i numeri rossi negli ultimi anni. Con la stipula di contratti con l’organizzatore, le squadre ricevono garanzie per le entrate pubblicitarie e per i premi in denaro, come nel caso dell’Accordo del Louvre. A sua volta, l’organizzatore può contare sulla partecipazione di alcune squadre e fare pubblicità con loro di conseguenza.

Emma
Emma
Età: 26 anni Origine: Francia Interessi: Gioco, Tennis Professione: Editore online

RELATED ARTICLES

Il nuovo sparatutto Project Ferocious punta a ereditare il vecchio Far Cry con dinosauri e fisica

  Se vi mancano Turok e un Far Cry della vecchia scuola, dovreste tenere d''occhio Project Ferocious. Cosa si sa...

Informazioni esclusive: Rogue Trader apre Warhammer 40k ai giocatori di ruolo

Gli sviluppatori di Pathfinder 2 fanno il salto dal fantasy alla fantascienza. Cosa hanno imparato che renderà Rogue Trader...

The Sims 4: Lupi mannari alla prova – Desideriamo un addon come questo molto più spesso!

I nuovi lupi mannari mettono sottosopra The Sims 4. Perché il mini-addon mostra il meglio della simulazione di vita,...