15.3 C
Berlino
sabato, Settembre 24, 2022

Faze reagisce allo scandalo del razzismo di Fortnite professional

Follow US

80FansLike
908FollowersFollow
54FollowersFollow

Il professionista della Fortnite Daniel “Dubs” Walsh ha suscitato scalpore nella comunità della Fortnite con una dichiarazione razzista. Non è il primo della sua gilda al Clan FaZe. L’organizzazione ne ha abbastanza degli scandali e sta adottando misure preventive.
I Dubs hanno potuto essere ascoltati sabato scorso in un flusso di spasmi di uno dei suoi amici. Stava trasmettendo un giro di quindici minuti quando Dubs ha improvvisamente pronunciato la parola con la N forte e chiara. Il suo amico è andato nel panico e gli ha fatto notare che era già in streaming, ma il danno era già stato fatto: tutto il mondo di Twitch poteva sentire il detto razzista del noto professionista della Fortnite che ha fatto scalpore ai Mondiali di calcio dell’estate del 2019.

Il Dubs non è un giocatore ordinario nella vasta massa di festoni semi-festanti di successo, ma uno dei migliori giocatori di Fortnite del mondo. Insieme al compagno di squadra Noam “Megga” Ackenine l’americano ha raggiunto il settimo posto nell’ultima Coppa del Mondo. Da allora, il sedicenne è diventato parte integrante dell’estesa cerchia dei favoriti nei tornei di quindici giorni. Con i suoi successi nella Battle Royale, Dubs ha raccolto una comunità di oltre 280.000 fan sul suo canale Twitter.

Pentitevi su Twitter
Dubs si è scusato con un post su Twitter per la sua mancanza morale. Ha detto che non voleva fare del male a nessuno. Ma è stato doloroso, insensibile e sbagliato. La parola non avrebbe dovuto far parte del suo vocabolario.

Ma le sue scuse non sono accettate da tutte le parti della comunità. Molti utenti continuano a criticarlo severamente nei commenti del suo post. Dubs si scuserebbe solo perché è stato scoperto. La parola non dovrebbe essere nel suo vocabolario fin dall’inizio e non prenderebbe sul serio le scuse.

Il Clan FaZe vuole “educare” i membri
Tutti questi scandali non sembrano lasciare intatta la gestione delle FaZe. L’organizzazione ha annunciato su Twitter che sospenderanno i Dubs a tempo indeterminato.

Fino ad allora, Dubs non è autorizzato a rappresentare il marchio in alcun modo. Inoltre, deve sottoporsi a una formazione di sensibilizzazione. Per precauzione, questa formazione è obbligatoria anche per tutti gli altri membri del Clan FaZe. Pertanto, ulteriori scandali devono essere contrastati preventivamente.

Solo la cima della montagna scandinava
Il clan FaZe sembra avere una mano sfortunata per i giocatori controversi. L’azione di Dub è stata solo un titolo negativo nel frattempo un’ampia pagina extra del FaZe-Clan News.

Soprattutto nell’ultimo anno e nell’anno in corso i problemi sono aumentati. Per esempio, il membro del FaZe Jarvis Kaye è stato bandito a vita dal Fortnite nel novembre 2019. Dopo che l’allora diciassettenne ha testato un aimbot per un video su YouTube, lo sviluppatore Epic Games ha preso dure conseguenze e gli ha proibito di giocare di nuovo a Fortnite o di produrre contenuti per Battle Royale.

I compagni di squadra Trevor “FunkBomb” Siegler e Nate Hill si uniscono alla cronaca degli scandali di imbrogli. In un torneo di schermaglia autunnale dello scorso settembre, FunkBomb ha dato la posizione e i punti vita degli avversari a Nate Hill. Gli Epic Games hanno poi escluso i giocatori da altri tornei della serie.

Star streamer Tfue reagisce al deragliamento del Dubs
Non solo casi di frode, ma anche di razzismo si sono già verificati in passato nel clan FaZe. L’ex membro e nel frattempo il ginnasta di maggior successo di Twitch streamer “Tfue” Tenney ha attirato l’attenzione più volte da vari commenti razzisti, per i quali è stato in parte bandito da Twitch per un breve periodo.

Tfue ha anche commentato lo scandalo dei Dubs. Egli ritiene che l’intera situazione sia “strana” e “un po’ rabbrividente”. Ma bisogna anche tener presente che tutti commettono errori in questa giovane età. Ma Tfue non ha voluto chiamare la dichiarazione un lapsus.

La più grande controversia nella storia del Clan FaZe è avvenuta sotto l’hashtag #ReleaseTheContract. Tfue ha fatto causa al suo ex datore di lavoro e ha messo alla gogna il suo presunto contratto ingiusto.

Tfue non solo ha intrapreso un’azione legale contro FaZe, ma ha anche coinvolto la comunità. La campagna #ReleaseTheContract e i numerosi video hanno creato un’ondata che si è estesa ben oltre la scena della Fortnite – e ha danneggiato la facciata del clan eSports più famoso del mondo.

Flo
Flo
Età: 28 anni Origine: Germania Interessi: Gioco, Bicicletta, Calcio Professione: Editore online

RELATED ARTICLES

Sarà un The Witcher coreano? Nuovo RPG con un suggestivo trailer di debutto

Lo sviluppatore Krafton ha presentato un progetto ancora senza nome, il cui primo trailer si intitola "The Nhaga Eater"....

Azione di spada con 32 giocatori: Warhaven crea l’atmosfera per grandi battaglie fantasy

Se non vi sembra elegante: Presto inizierà la beta del nuovo gioco multiplayer PVPWarhavendello sviluppatore coreano Nexon su...

Il trailer di Overwatch 2 ci ricorda che la Stagione 1 è molto vicina

Dopo una lunga attesa, Overwatch 2 uscirà presto e annuncia l'inizio della prima stagione con un trailer. Vi introduce...