Stephan by Stephan in
Call of Duty

Call of Duty: Black Ops – Guerra Fredda è stato rilasciato la scorsa settimana e spesso ottiene la stessa risposta. I top streamer hanno per lo più opinioni unilaterali dopo il rilascio dello sparatutto da parte di Activision e dello sviluppatore Treyarch.

Lo streamer tedesco di più alto livello Marcel “MontanaBlack” Eris ha iniziato la sua carriera con la serie Call of Duty. Ha un’opinione molto chiara sul multiplayer nella Guerra Fredda: “Se non ci fosse stata la modalità zombie nella Guerra Fredda, avrei già disinstallato il gioco”.

Questo parere è confermato, tra gli altri, dal ginnasta streamer statunitense “Tfue” Tenney, che considera anche la lotta contro i non morti migliore che nel multiplayer. La ragione alla base di queste opinioni è principalmente la unilateralità delle partite multigiocatore, in cui dipende solo da quante uccisioni sono state realizzate nel tempo. Se vieni eliminato in un’azione rischiosa, provaci di nuovo dopo il respawn. A differenza della Battle Royale Warzone, dove c’è al massimo un secondo tentativo, questo è uno scenario noioso per la maggior parte dei partecipanti – soprattutto per gli spettatori.

Dr. Disrespect, il cui vero nome è Herschel Beahm IV, è sorpreso che “al giorno d’oggi vengono rilasciate solo otto o nove mappe per un multiplayer CoD. Non sembra molto entusiasta di questa modalità. A parte questo, il Dr. Disrespect sta aspettando che la scena del torneo si sviluppi prima di formarsi ulteriori opinioni sulla Guerra Fredda.

Anche nei commenti del Doc gli spettatori hanno mostrato la loro chiara opinione per modalità zombie e contro il multiplayer. “Vorrei aver pagato solo 25 dollari per gli zombie”, ha scritto un utente nei commenti.

Nel frattempo mancano i giochi o le reazioni di Michael “sindone” Grzesiek. L’esperto sparatutto tende a passare più tempo nelle lobby di PUBG.

Scrivici tramite i social media o nel nostro forum.

Stephan

Età: 25 anni Origine: Bulgaria Interessi: Gioco Professione: Editore online, studente
Share Post:

Related Posts

No Comments

Leave a Reply