The First Descendant: l’ottima grafica nasconde grandi problemi nello sparatutto più atteso di Steam

0
14

Il nuovo sparatutto Free2Play prende in prestito da Warframe e Destiny e si presenta bene grazie all’Unreal Engine 5 – ma il risultato del test è ancora negativo

Il primo discendente mi è piaciuto sorprendentemente all’inizio.Il nuovo loot shooter di Nexon ha un bell’aspetto, è inaspettatamente incentrato sulla storia e si gioca molto velocemente.

E c’era e c’è ancora molto interesse per il gioco. Su SteamThe First Descendantera il quinto gioco più richiesto. Quando è stato rilasciato il 2 luglio, il numero di giocatori su Steam ha raggiunto oltre 200.000 utenti contemporanei.Tuttavia, oltre la metà delle 31.000 recensioni degli utenti sono negative.

E ci sono effettivamente dei problemi. Tra le altre cose, il gioco Free2Play si esaurisce dopo poche ore. Questo non è dovuto tanto al fatto che The First Descendant prende in prestito liberamente da modelli di genere come Destiny e Warframe, ma piuttosto al fatto che il gioco si basa troppo sugli stessi elementi

Storia? Non importa, l’importante è l’azione!
I compiti delle missioni si ripetono costantemente, le aree overworld e i dungeon sono sempre strutturati allo stesso modo e anche le battaglie con i boss più importanti si sono sempre svolte nella stessa arena tra le dimensioni.

The First Descendant racconta la battaglia tra l’umanità e i malvagi Vulgus. I Vulgus attaccano l’umanità da un’altra dimensione da ormai 100 anni. Normali truppe di terra, boss di medie dimensioni e persino qualche astronave riescono a raggiungerci

Per fortuna, i mostri veramente grandi sono rimasti finora bloccati tra le dimensioni. Ed è lì che li combattiamo, da soli o con un massimo di altri tre giocatori, perché The First Descendant è anche uno sparatutto cooperativo.

(I personaggi femminili del gioco vestono in modo piuttosto discreto.)
(I personaggi femminili del gioco vestono in modo piuttosto discreto.)

Nel corso della storia sblocchiamo gradualmente queste grandi battaglie con i boss e possiamo ripeterle tutte le volte che vogliamo o ne abbiamo bisogno. Perché anche il grind fa parte di un loot shooter, soprattutto in un gioco Free2Play. Se vogliamo sbloccare nuovi eroi, abbiamo bisogno di risorse e possiamo ottenerle solo con determinati tassi di caduta abbastanza gestibili, sia nelle missioni che nelle attività secondarie o nelle battaglie contro i boss.

Tra l’altro, ora ci sono 15 di questi eroi all’inizio e poi altri 5 in una versione speciale. I signori e le signore sono il sale nella minestra di The First Descendant, perché determinano il vostro stile di gioco oltre alla scelta delle tre armi portatili. Ogni eroe, o Discendente, come vengono chiamati i personaggi nei sottotitoli in tedesco, utilizza quattro abilità attive, come congelare i nemici, lanciare granate, generare super laser o innescare il turbo.

All’inizio si può scegliere tra tre eroi, in seguito si possono ottenere molto rapidamente le risorse di crafting necessarie per l’eroina Bunny, senza grind e soprattutto completamente senza costi di denaro reale. Per gli altri eroi, invece, dovrete pianificare molto tempo. Oppure potete tirare fuori la carta di credito. Vi spiegherò perché non ve lo consiglio più avanti. Per ora, atteniamoci alle basi de Il Primo Discendente:

(Bunny è la quarta eroina sbloccabile di The First Descendant.)
(Bunny è la quarta eroina sbloccabile di The First Descendant.)

Destiny’s Child

Come già detto, il gioco prende chiaramente in prestito daDestinye Warframe. Da Destiny proviene l’Ultima Città dell’Umanità come hub del giocatore, dove è possibile vedere altri Discendenti, ottenere nuove missioni, parlare con personaggi speciali e personalizzare il proprio equipaggiamento. Qui è possibile potenziare le mod delle armi e degli eroi, aumentare il proprio grado di maestria o fare tutte le altre cose che si fanno in uno sparatutto con bottino in stile Destiny: alla fine, tutto si riduce a una grande quantità di numeri.

Ma non è solo la casa base a ricordare immediatamente Destiny, anche gli overworld hanno una struttura simile. La mappa di The First Descendant è attualmente divisa in otto regioni lontane dalla casa base.
Le regioni presentano ciascuna un set grafico diverso, dalle paludi piovose agli aridi deserti rocciosi. Ogni regione è costruita a mano e suddivisa in quattro o cinque aree più piccole. Qui completiamo una missione della storia dopo l’altra e sblocchiamo anche alcune attività secondarie, come la modalità orda con ondate di nemici sempre più forti.

Il design delle missioni storia si basa su un insieme gestibile di compiti eternamente ripetibili. Dobbiamo difendere determinati punti, raccogliere campioni, far esplodere generatori o semplicemente sparare a tutto ciò che il nemico ci lancia contro per un po’.

Questi compiti potrebbero essere generati casualmente e svolgersi ovunque, quindi sono completamente generici. A rigore, non si tratta di una vera e propria progettazione di missioni, ma di sistemi di gioco approssimativi che gli sviluppatori hanno poi riversato nei livelli. Spesso mi ha ricordato le missioni di Suicide Squad: Kill the Justice League.
Le missioni sono comunque divertenti, nonostante i sistemi siano spesso molto simili e facili da capire. Tuttavia, ciò è dovuto più al ritmo incalzante del gioco che al fatto che le missioni sono emozionanti. È semplicemente divertente spazzare via un nemico dopo l’altro con fucile a pompa, fucile d’assalto, fucile da cecchino o ondate di ghiaccio

Questo vale anche per i piccoli boss che incontriamo alla fine di ogni dungeon. Le missioni dei dungeon ci portano in livelli tubolari istanziati e alla fine o a volte in mezzo ci sono nemici speciali che spesso hanno diverse fasi o attacchi speciali.

Ad esempio, prima di poter attaccare direttamente il boss è necessario disattivare gli scudi o spegnere i minion collegati in rete. Questo non reinventa la ruota degli sparatutto, ma è divertente e soddisfacente a ogni vittoria A patto di avere con sé l’equipaggiamento giusto, perché altrimenti i nemici a volte si trasformano in palesi spugne di proiettili e ci vuole una vita per eliminare la loro barra della vita.

Skeletor in una danza di gioia

Intanto, il gioco è tenuto insieme dauna quantità sorprendente di storia Ci sono messaggi radio in ogni missione e ci sono sempre dialoghi negli avamposti. La storia non è particolarmente fantasiosa e nemmeno appassionante, ma fornisce un filo conduttore e il contesto necessario

Ho bisogno di quest’ultimo per potermi ributtare nelle solite missioni. Può essere noioso, ma quando qualcuno mi sussurra all’orecchio quanto sia importante quello che sto facendo, alla fine mi motiva di nuovo.

Inoltre, i cattivi e i loro leccapiedi mi ricordano i cattivi dei programmi televisivi del sabato mattina della mia infanzia. Non mi sarei sorpreso se Skeletor si fosse improvvisamente imbattuto in una o due scene tagliate. Inoltre, come dice il proverbio, se sai chi è il nemico, allora la giornata ha una struttura. Ed è proprio questa struttura che la storia e i cattivi forniscono in The First Descendant.

(In The First Descendant ci sono cattivi stereotipati a ogni angolo)
(In The First Descendant ci sono cattivi stereotipati a ogni angolo)

Warframe… sei tu?

Il modding di armi ed eroi è fornito da Warframe. The First Descendant copia quasi alla lettera il sistema di mod dello sparatutto Free2Play di successo e ci permette di migliorare e personalizzare armi ed eroi tramite un sistema di carte mod. Ad esempio, possiamo aumentare la potenza d’attacco, la precisione, i punti scudo e la salute o persino modificare il funzionamento del rampino.

Possiamo poi potenziare ulteriormente le mod nella base. Tuttavia, questo costa risorse e più una mod diventa forte, più spazio occupa nelle nostre tute o armi.

Ma d’altra parte, aumentiamo regolarmente anche il nostro grado di maestria, liberando così più spazio per le mod.Quindi la spirale del bottino funziona– e motiva! La prospettiva di un nuovo miglioramento o di un nuovo progetto di ricerca per un’arma molto speciale con effetti aggiuntivi, come un’esplosione di energia quando i nemici vengono sconfitti, mi motiva davvero a continuare a giocare.

Ricominciare il gioco? Soldi cancellati!

The First Descendant è a prima vistaun gioco Free2Play molto corretto È possibile sbloccare gratuitamente tutti i contenuti rilevanti per il gioco, come eroi e armi. Tuttavia, a volte questo può richiedere molto tempo, perché sono necessarie molte altre risorse e progetti per ricercare gli altri eroi, ad esempio.

Ma non è un male, perché il gioco è divertente per ore, anche con il personaggio iniziale e Bunny. Non avrei mai pensato di aver bisogno di un altro personaggio. Ciononostante, ho acquistato un nuovo eroe a scopo di test

Il più economico costa 300 calibri, che è la moneta reale del gioco. Ma è possibile ottenere solo 250 calibri per 5 euro. È il pacchetto più piccolo. Quindi devo comprare almeno il pacchetto da 10 euro con 520 calibri se voglio sbloccare uno degli eroi più economici con denaro reale.

Gli eroi più costosi costano 600 o 900 calibri.

&nbspOvviamente Nexon non offre pacchetti adeguati, ma vende sempre un po’ troppo poco calibro in modo da costringere l’utente a spendere più soldi di quelli effettivamente necessari. Anche le skin e gli altri oggetti di personalizzazione acquistabili nel gioco hanno prezzi assolutamente esagerati, ma almeno il Battle Pass costa solo 10 euro.

Il punto in cui The First Descendant mi ha definitivamente perso come cliente pagante, tuttavia, non sono stati i prezzi in sé, ma piuttostol’atteggiamento di base ostile al cliente A parte la pessima truffa dei pacchetti di prezzi, il gioco cancella tutti i miei acquisti con denaro reale quando voglio iniziare una nuova partita. Non ottengo nemmeno un rimborso per il mio prossimo personaggio. L’account viene semplicemente resettato, compresi tutti gli acquisti in denaro reale! Cos’è questa assurdità?

Io ho una memoria come un colabrodo, quindi se torno a The First Descendant tra un anno o due, voglio ricominciare la storia da capo. Posso ripetere le missioni tutte le volte che voglio, ma non avrò di nuovo l’introduzione e le conversazioni intermedie. Quindi voglio iniziare un nuovo personaggio. Ma in questo modoannulla tutti i miei acquisti con denaro reale senza sostituirli!

Non mi interessa quali argomentazioni possa avere Nexon per questo passo, perché non ce n’è nessuna che possa giustificare l’annullamento dei miei soldi. Che tipo di rapporto commerciale vuole instaurare Nexon con me? Non posso fidarmi di un partner del genere con i miei soldi.

Peccato, mi piaceva molto il piccolo zaino in cui un criceto fa i suoi giri infiniti. Altrimenti l’avrei comprato subito. E sì, mi rendo conto che il mercato Free2Play è pieno di sciocchezze ingiuste, ma non sono obbligato a prendervi parte, no?

La tecnologia

Grazie all’Unreal Engine 5, The First Descendant si presenta molto bene per la maggior parte del tempo, solo alcuni effetti potevano essere risolti un po’ più finemente per i miei gusti. Lo stile fantascientifico generico è una questione di gusti, ma a me piace questo design elegante e i numerosi dettagli tecnici – quindi due pollici in su da parte mia.

Tuttavia, anche i requisiti di sistema sono piuttosto elevati.

&nbspAlmeno su PC è possibile personalizzare la grafica – e anche i controlli – in molti modi, compreso il ray tracing. Non ho ancora provato la versione per PlayStation e Xbox, ma sicuramente c’è il cross-play. È sempre possibile sapere su quale sistema si sta giocando grazie alle icone accanto ai nomi dei giocatori

(L'Unreal Engine 5 offre paesaggi chic e azione degna di nota)
(L’Unreal Engine 5 offre paesaggi chic e azione degna di nota)

A proposito, il

PvP non esistein The First Descendant. Si gioca solo contro l’IA, da soli o in squadra. Tuttavia, i grandi boss sono leggermente ridimensionati quando li si affronta da soli

Tuttavia, la maggior parte delle missioni e dei boss sono molto più facili in cooperativa, anche perché la velocità di gioco è a volte quasi vertiginosa. Si entra davvero in un treno ad alta velocità

A proposito, non ho riscontrato bug gravi, anche se altri giocatori hanno segnalato problemi. A volte la connessione era un po’ bloccata e all’inizio c’era un fastidioso ritardo nell’acquisto di valuta con denaro reale, ma il problema è stato risolto rapidamente.

Le critiche continuano a riguardarel’analisi invasiva dei datiche si deve accettare all’inizio del gioco. Tra le altre cose, Nexon si concede il diritto di trasmettere i vostri dati a terzi e vuole poter accedere ai file locali del vostro computer, ai siti web visitati e alle comunicazioni con gli altri giocatori.

Se tutto questo è troppo per voi, dovreste comunque lasciar perdere il gioco, senza perdervi molto.Perché questo gioco è ben lontano dall’essere un titolo imperdibile.

Il First Descendant funziona al meglio se avete bisogno di cambiare scenario rispetto a Destiny e Warframe e se in generale vi piacciono gli sparatutto in stile The Division o Outriders. È il gioco perfetto per la crisi estiva: non è un granché, ma nemmeno un brutto gioco. Si possono passare facilmente alcuni giorni senza spendere soldi veri, eliminando facilmente orde di nemici, esplorando nuovi livelli e sconfiggendo enormi boss, godendo della soddisfazione di un nuovo equipaggiamento e di regolari aumenti di livello. E mi è piaciuto molto il ritmo veloce del gioco durante il test.

Rispetto ai suoi grandi modelli, The First Descendant manca di profondità e varietà, ma il gioco è ancora agli inizi. Le prossime stagioni dovrebbero almeno portare più missioni personali per gli eroi. Sembra una buona idea. Soprattutto perché gli eroi, con i loro stili di gioco notevolmente diversi, sono uno dei maggiori punti di forza del gioco.

A lungo andare, però, The First Descendant avrà bisogno di una maggiore varietà di nemici e, soprattutto, di missioni migliori per sopravvivere. Per ora, il gioco è in gran parte solo una solida copia di giochi molto migliori. La maggior parte delle persone probabilmente tornerà agli originali dopo aver giocato abbastanza a The First Descendant.

Tuttavia, non vorrei che il sistema di pagamento del gioco venisse ignorato. Il prezzo è assolutamente eccessivo, è progettato per essere ostile al cliente dall’inizio alla fine e, anche se non è Pay2Win, non è comunque equo. Non ho alcun problema con l’idea del Free2Play se viene attuata in modo rispettoso. Con The First Descendant, invece, ho costantemente la sensazione che il sistema stia cercando di attirarmi in una trappola. Di conseguenza, non spenderò mai più soldi per questo gioco, anche se alcune skin sono davvero fantastiche.

Fortunatamente non dovrò spendere nulla, perché The First Descendant offre abbastanza senza spendere soldi veri, almeno quanto basta per cambiare un po’ di scenario durante la pausa tra Destiny e Warframe.