“Volevo dimostrare che è possibile” – Un giocatore disabile sconfigge il boss più difficile dell’Elden Ring con la sua voce

0
13

Lo streamer DeadlyPG può contare solo sulla sua voce per giocare. Ma è sufficiente per superare anche le battaglie con i boss più difficili

Con la sola forza di volontà e la potenza della sua vocelo streamer di origine polaccaDeadlyPGha raggiunto un obiettivo quasi impossibile: ha sconfitto Malenia, il difficile boss diElden Ring. DeadlyPG si chiama Szymon nella vita reale, ha 20 anni e convive con l’atrofia muscolare spinale (SMA in breve).

Di conseguenza, può muoversi solo in misura limitata, anche se dice di non essere completamente paralizzato. Tuttavia, solo un dito delle sue mani può muoversi, il che rende difficile il gioco tradizionale. Egli aggira questa limitazione con l’aiuto di un programma vocale chiamato VoiceAttack, che converte i suoi comandi vocali in input. Per sconfiggere Malenia solo in questo modo, lo streamer ha dovuto fare 700 tentativi.La battaglia è durata due settimane

Cos’è l’atrofia muscolare spinale?

L’atrofia muscolare spinale è una malattia genetica che porta a una progressiva atrofia muscolare e a disturbi del movimento, in particolare nella colonna vertebrale. Chi ne è affetto soffre di debolezza muscolare, problemi di coordinazione e disturbi funzionali.

Elden Ring ha suonato con la sua voce

In un’intervista a GamesradarSzymon parla più dettagliatamente del suo risultato e chiarisce ancora una voltaquale enorme sfidaabbia affrontato. Soprattutto perché non ha preso scorciatoie, per esempio con build follemente potenti o tattiche ingloriose.

Credo di essere stato fortunato. Malenia è stata davvero difficile. Ci sono andato vicino tante volte e poi sono morto ed è stato molto triste. Non riesco ancora a credere di avercela fatta. Ho fatto del mio meglio per non rendere le cose troppo facili per me, cosa che col senno di poi è stata forse stupida. Ho deciso di non usare le evocazioni, di non lanciare incantesimi e di non salire di livello. Ho deciso di pormi queste sfide perché volevo dimostrare che era possibile. Se posso farlo io con la voce, può farlo chiunque.

L’accessibilità per le persone con disabilità fisiche, in particolare, è sempre un problema quando si tratta del livello di difficoltà dei giochi di anime. Spesso questi giochi diventano una sfida impossibile per persone come Szymon a causa del loro livello di difficoltà fisso. Szymon è riuscito a dimostrare che è ancora possibile con la pura forza di volontà Tuttavia, ha dovuto mettere in campo un’enorme quantità di tempo e di resistenza alla frustrazione.

Allo stesso tempo, Szymon sottolinea che l’Elden Ring in particolare rende il controllo tramite comando vocale più facile di quanto si possa pensare all’inizio:

Con questo gioco sento di avere più controllo. Ho appena imparato i tempi e le animazioni dei nemici che portano a determinati attacchi. Sento di poterli anticipare meglio.

Un compito ancora più grande ci attende

Cosa succede ora? Szymon ne ha abbastanza dopo questo compito mostruoso? Al contrario. Secondo Szymon, dopo 15 minuti di gioia, avrebbe voluto combattere di nuovo contro Malenia immediatamente.Adoro questo gioco,sottolinea ancora.

Naturalmente, la prossima sfida per lui è sulla strada. Da qualche settimana Szymon si sta cimentando con il nuovo DLCShadow of the Erdtreesapendo che lo attendono avversari ancora più ostici di Malenia.

Il DLC è di un livello completamente diverso. Ogni cosa mi spara un colpo solo. Sto arrivando a un punto in cui devo davvero imparare il tempismo. Ma è molto divertente.

Nel riquadro del link qui sopra troverete altri articoli sul gioco con le disabilità. Ad esempio, quest’anno alla gamescom verrà nuovamente consegnato il premio Gaming without Borders, che riconosce i giochi, le persone e le tecnologie che sostengono l’accessibilità dei giochi. E se Elden Ring è troppo pesante per voi, forse l’esempio di Szymon potrebbe risvegliare in voi una nuova forza.